Archivi tag: Tempesta

Eneide – La Tempesta

Oggi continuiamo la pubblicazione dell’Eneide, buona lettura.

LA TEMPESTA (1.81- 123)

Come ciò detto, ribaltata la lancia, colpì
alla costa il cavo monte; ed i venti come fatta una schiera
dov’ è dato lo sbocco, corrono e flaggellan le terre col soffio.
Bloccarono il mare e tutto dal massimi fondi
insieme Euro e Noto vanno ed Africo denso
di bufere, e riversan i vasti flutti sui lidi.
Ne segue un grido di uomini ed uno stridio di cordami;
subito le nubi strappano il cielo ed il giorno
dagli occhi dei Teucri; nera sul mare sovrasta la notte;
Tuonarono i poli e l’etere splende di densi fuochi
tutto minaccia sugli uomini una morte imminente.
All’istante le membra di Enea si sciolgono dal brivido;
geme e tendendo entrambe le mani alle stelle
così esprime a voce: “O tre quattro volte felici,
cui toccò affrontare la morte davanti ai volti dei padri e sotto
le alte mura di Troia. O Tidide, il più forte della razza
dei Danai. Io, non aver potuto cadere nelle piane iliache
e spendere questa vita per mano tua, dove giace
il fiero Ettore per l‘arma dell’Eacide, dove Sarpedo gigante,
dove sotto l’onde il Simoenta travolge tanti scudi strappati
ed elmi e forti spoglie d’eroi.”
A lui che grida così un turbine nemico stridendo per Aquilone
ferisce la vela e solleva i flutti alle stelle.
Si spaccano i remi, poi si rovescia la prora ed offre il fianco
alle onde, l’insegue un monte spezzato con la (sua) massa d’acqua.
Questi pendono in cima l flutto; a questi un’onda aprendosi
scopre tra i flutti la terra, il risucchio infuria sulle sabbie.
Noto tormenta tre navi strappate nelle rocce latenti
rocce che gli Itali chiamano Are in mezzo ai flutti,
enorme dorsale in cima al mare, tre le spinge Euro dall’alto
anche negli stretti di Sirte, miserevole (spettacolo) a vedersi,
e le sbatte nelle secche e le cinge d’un muro di sabbia.
Una, che portava i Lici ed il fidato Oronte,
sotto i suoi occhi l’enorme marea la ferisce dall’alto
sulla poppa: il pilota bocconi è sbalzato e rotolato
a capofitto, ma tre volte il flutto la tortura lì ancora
roteandola e un rapido vortice con l’acqua la divora.
Pochi appaiono nuotando nel vortice vasto,
armi d’eroi e tavole e tesori troiani tra le onde.
Ormai la robusta nave d’Ilioneo, ormai (quella) del forte Acate,
e (quella) da cui (é) portato Abante, e (quella) da cui il vecchio Alete, le ha vinte la bufera; tutte con l’insieme dei fianchi sfasciato accettano la pioggia nemica e per le falle si aprono.