Archivi tag: libertà

Parlando di Rivoluzione.

Era la fine del 1988 quando iniziavo ad affacciarmi al mondo alimentato dal fuoco sacro dell’adolescenza ed in Italia imperversava su tutte le radio,le tv e i mercatini della musica la canzone di Tracy Chapman – Talkin’ bout revolution – una delle canzoni di protesta più importanti degli anni 80, che alimentava gli animi di tutti coloro che sognavano un mondo migliore in cui la libertà e la giustizia sociale fossero i pilastri portanti. Si sentiva nell’aria che qualcosa stava per cambiare …… ma poi sappiamo bene come è andata a finire, come potrete vedere dalla traduzione la situazione di 30 anni fa mi sa che non era molto diversa di quella attuale.

Contenuta nell’album omonimo Tracy Chapman  del 1988, Talkin’ bout a Revolution è una delle più importanti canzoni di protesta degli anni ’80 ed è uno dei brani più noti composti dalla sua interprete Tracy Chapman.
Il testo parla delle difficoltà delle persone povere nella società occidentale, alle prese con la scarsità di denaro, la difficoltà di accedere alla sanità e di trovare un impiego e preconizza una rivoluzione che porterà tutti ad avere ciò che spetta a ciascuno.

Don’t you know you’re talking about a revolution – Non lo sai, stai parlando di una rivoluzione
It sounds like a whisper – Risuona come un sussurro
Don’t you know they’re talking about a revolution – Non lo sai, stanno parlando di una rivoluzione
It sounds like a whisper – Risuona come un sussurro
While they’re standing in the welfare lines – Mentre fanno la coda per il sussidio
Crying at the doorsteps of those armies of salvation – Piangendo alla porta di quegli eserciti della salvezza
Wasting time in unemployment lines – Sprecando tempo in coda agli uffici di collocamento
Sitting around waiting for a promotion – Restando seduti in attesa di una promozione
Don’t you know, you’re talking about a revolution – Non lo sai, stai parlando di una rivoluzione
It sounds like a whisper – Risuona come un sussurro
Poor people are gonna rise up – I poveri insorgeranno
And get their share – e si prenderanno la loro parte
Poor people are gonna rise up – I poveri insorgeranno
And take what’s theirs – e si prenderanno ciò che è loro
Don’t you know you better run, run, run, run, run, run, run, run, run, run, run, run, run – Non lo sai, faresti meglio a correre, correre, correre, correre, correre, correre, correre, correre, correre, correre, correre, correre
Oh I said you better run, run, run, run, run, run, run, run, run, run, run, run, run – Ti ho detto che faresti meglio a correre, correre, correre, correre, correre, correre, correre, correre, correre, correre, correre, correre
Cause Finally the tables are starting to turn – Perché finalmente le cose stanno iniziando a cambiare
Talking about a revolution – Parlando di rivoluzione
Yes, Finally the tables are starting to turn – Sì, finalmente le cose stanno iniziando a cambiare
Talking about a revolution oh no – Parlando di rivoluzione, oh no
Talking about a revolution oh no – Parlando di rivoluzione, oh no
While they’re standing in the welfare lines – Mentre fanno la coda per il sussidio
Crying at the doorsteps of those armies of salvation – Piangendo alla porta di quegli eserciti della salvezza
Wasting time in unemployment lines – Sprecando tempo in coda agli uffici di collocamento
Sitting around waiting for a promotion – Restando seduti in attesa di una promozione
Don’t you know you’re talking about a revolution – Non lo sai, stai parlando di una rivoluzione
It sounds like a whisper – Risuona come un sussurro
And finally the tables are starting to turn – E finalmente le cose stanno iniziando a cambiare
Talking about a revolution – Parlando di rivoluzione
Yes, Finally the tables are starting to turn – Sì, finalmente le cose stanno iniziando a cambiare
Talking about a revolution oh no – Parlando di rivoluzione, oh no
Talking about a revolution oh no – Parlando di rivoluzione, oh no
Talking about a revolution oh no – Parlando di rivoluzione, oh no

Sandro Pertini dixit

In seguito alla pubblicazione fatta dall’Istat la settimana scorsa sui dati della povertà in Italia e sulla disoccupazione giovanile, in cui si certificava che almeno 5 milioni di Italiani sono molto poveri e che il 20% dei giovani non studia e non cerca lavoro, mi sono tornate alla mente le parole del nostro compianto Presidente Pertini fatte circa 34 anni fa, ma sempre attuali.

« Per me libertà e giustizia sociale, che poi sono le mete del socialismo, costituiscono un binomio inscindibile: non vi può essere vera libertà senza la giustizia sociale, come non vi può essere vera giustizia sociale senza libertà. Ecco, se a me socialista offrissero la realizzazione della riforma più radicale di carattere sociale, ma privandomi della libertà, io la rifiuterei, non la potrei accettare. Se il prezzo fosse la libertà, io questa riforma la respingerei. […] Ma la libertà senza giustizia sociale può essere anche una conquista vana. Si può considerare veramente libero un uomo che ha fame, che è nella miseria, che non ha un lavoro, che è umiliato perché non sa come mantenere i suoi figli e educarli? Questo non è un uomo libero. […] Questa non è la libertà che intendo io. »
Sandro Pertini

Viva Venezia – Viva l’Italia

venezia-1

In questo pezzo troverete il proclama di liberazione dell’assemblea di cittadini di Venezia in data 22/03/1848

Cittadini!!!
La vittoria è nostra senza spargimento di sangue. Il governo austriaco civile e militare è deceduto. Gloria alla nostra brava Guardia Civica! I sottoscritti vostri cittadini hanno stipulato il trattato solenne.
Un governo provvisorio sarà istituito e frattanto, per la necessità del momento, i sottoscritti contraenti hanno dovuto istantaneamente assumerlo. Il trattato viene stampato in apposito supplemento della nostra Gazzetta. Viva Venezia! Viva l’Italia!!

Venezia, 22 marzo 1848
Giovanni Correr, Luigi Michiel, Dataico Medin, Pietro Fabris, Giovanni Francesco Avesani, Angelo Melgaldo, Leone Pincherle.

Le Assemblee del risorgimento Venezia, 1848

Di sacro genio arcano

Un bellissimo componimento di G. Rossetti tratto da ” La Costituzione di Napoli”

Di sacro genio arcano.

Di sacro genio arcano

al soffio animatore

divampa il chiuso ardore

di patria carità;

e fulge ormai nell’arme

la gioventù raccolta.

Non sogno questa volta,

non sogno libertà!

Dalle nolane mura

la libera coorte

gridando:- a Monteforte!

Alza il vessillo e va:

la cittadina tromba

lieta squillar s’ascolta.

Non sogno questa volta,

non sogno libertà!

Fin dal fecondo Liri

all’Erice fiorito

quel generoso invito

più vivo ognor si fa

e degli eroi la schiera

sempre divien più folta.

Non sogno questa volta,

non sogno libertà!

………………………………….

Già coronata è l’opera:

patria, ringrazia il nume;

o qual ti cinge lume

di nuova maestà!

Chi fia che più ti dica

barbara terra incolta?

Non sogni questa volta,

non sogni libertà!!

(da G. Rossetti: La costituzione di Napoli)

Gabriele Pasquale Giuseppe Rossetti è stato un poeta, critico letterario e patriota italiano. Wikipedia
Data di nascita: 28 febbraio 1783, Vasto