Archivi tag: Brassier

Consegna dell’ultimatum.

In questo pezzo il Massari ci descrive il momento in cui i delegati Austriaci consegnano l’ultimatum al conte di Cavour e la sua reazione tranquilla, forte dell’appoggio popolare e dell’alleanza con la Francia.

Poco dopo il ministro prussiano, conte Brassier de Saint Simon, scriveva al conte di Cavour essere giunto da Milano il conte di Kellesperg, il quale aveva incarico di consegnargli una lettera del conte Buol. Rispose senza indugio sarebbe stato al ministero fino alle 5 e tre quarti, tornarci dopo le 9. Alle 5 e un quarto gli inviati austriaci condotti dal conte di Brassier si recarono al palazzo del Ministero: il conte Kellesperg fu gentilissimo e nel presentare la lettera disse di ignorarne il contenuto. Il conte di Cavour la dissuggellò, la lesse: era l’ultimatum; chiedeva risposta per sì o per no; dava tempo tre giorni. Il conte cavò l’oriuolo; erano le cinque e mezzo : diede quindi appuntamento al conte di Kellesperg fra tre giorni a quell’ora medesima.
Durante i tre giorni della loro dimora a Torino gli inviati austriaci furono assai colpiti dall’atteggiamento tranquillo e dignitosissimo della popolazione; e manifestarono al diplomatico prussiano la meraviglia che quello spettacolo produceva negli animi loro, e l’ammirazione che sperimentavano verso un popolo che alla vigilia di una guerra era pieno di tanta serenità. Videro con i propri occhi che la politica del conte di Cavour non era una politica avventata, né la conseguenza del capriccio di un uomo appoggiato da alcuni amici, ma era bensì quella che si riscontrava con i più cari desideri del paese, che ne esprimeva fedelmente le aspirazioni ed i voleri. Anche l’aspetto materiale di Torino fece grande impressione sugli inviati austriaci; e rimirando le spaziose e simmetriche vie esclamavano: “ Peccato! Questa magnifica città di qui a qualche giorno sarà esposta a tutti gli orrori della guerra!”. Tanto erano persuasi che le truppe austriache sarebbero giunte fino a Torino!

G. Massari: Ricordi biografici del conte di Cavour.