Archivi tag: alloro

LA JOTA TRIESTINA

La JOTA è senza dubbio la più caratteristica zuppa friulana, tipica della Carnia; il suo nome deriva dallo spagnolo “jota”, ossia “potacchio”; in terra triestina è più ricca in quanto tra gli ingredienti ci sono anche le costolette affumicate.

Ingredienti per 4 persone:

250 g fagioli secchi borlotti; 500 g patate; 750 g crauti; 300 g costine di maiale affumicate; una cipolla,due spicchi d’aglio,due foglie di alloro,un cucchiaino di farina, alcuni grani di  Kümmel  (il cumino dei prati ).

Preparazione:
Lessare i fagioli in abbondante acqua,precedentemente ammollati, per circa mezz’ora; lessare le patate 20 minuti, pelarle e tagliarle a quadretti che salterete in padella dove avrete imbiondito mezza cipolla; soffriggere la farina e l’aglio in una teglia dove verserete i crauti con il kummel ( la cottura richiede almeno due ore a fuoco lento rimescolando frequentemente ed aggiungendo un pò d’acqua in modo che non si attacchino ); versare il tutto in una pentola capiente, coprire d’acqua,e lasciar bollire per circa un ora. Alla fine salare. Per gustarla al meglio mangiatela il giorno dopo, previa breve ribollitura.

Tonno alla Carlofortina

Oggi vi propongo una ricetta semplice e molto gustosa, il tonno alla carlofortina, buon appetito.

Tempo 40 min.circa

ingredienti per 4 persone:
tonno per arrosto, olio extravergine d’oliva, alloro, vino bianco secco, pomodori freschi, sale, acqua.

Preparazione:
Pulisci il tonno, privandolo della pelle e delle ossa, e taglialo a grossi tocchi (7-10 cm).
Rosola il tonno in olio caldo senza alcun sapore. Usa una padella: devi rosolarlo bene, ogni tocco, su tutti i lati.
Prendi un tegame ampio e a pareti alte, mettici dentro l’olio di rosolatura, e disponi all’interno i tocchi di tonno, ben distanziati l’uno dall’altro. Metti dentro anche qualche foglia d’alloro.
Fai ripartire la cottura e, appena raggiungi una buona temperatura, aggiungi il vino bianco. Fai sfumare, lasciando il tegame scoperto.
A parte avrai preparato i pomodori freschi tagliati a tocchetti.
Una volta sfumata la parte alcolica del vino bianco, aggiungi i pomodori  e il sale.
Fai addensare il sughetto prodotti dai pomodori e, a questo punto, aggiungi un po’ d’acqua, giusto per evitare che si attacchi: non devi in alcun modo ricoprire il tonno !!
Da questo momento fai andare la cottura per circa venti minuti, tenendo il fuoco basso: i primi dieci a tegame coperto, i restanti a tegame scoperto.
Durante la cottura, ogni tanto, agita con delicatezza il tegame.
Note:
Importante: non devi mai pungere il tonno con la forchetta o con il coltello e devi girarlo sempre con la massima delicatezza usando mestoli di legno.