Liquore di Mirto Sardo

Oggi vi propongo la ricetta per fare il famoso liquore sardo estratto dalle bacche di mirto cresciuto in Sardegna.

Ingredienti: 
1Kg di bacche di mirto, 1lt. di alcol per alimenti, 2 litri di acqua, 500-1000 g. di zucchero

Per ottenere 3lt. di liquore di mirto, acquistate 1lt. di alcol per alimenti ed utilizzatelo per far macerare le bacche all’interno di un recipiente ermetico che eviterà l’evaporazione essendo l’alcol un liquido volatile.
Durante il processo di macerazione assicuratevi che le bacche siano sempre coperte dalla giusta quantità di alcol.
La macerazione delle bacche di mirto durerà circa 60 giorni, terminato il processo di macerazione estraete i frutti dal recipiente e scolateli per separarli dall’alcol residuo della macerazione.
Noterete che le bacche del mirto, dopo 60 giorni di macerazione saranno aumentate di volume, spremete ora le bacche (meglio se con un torchio) e raccogliete il succo che uscirà dalla spremitura, poi gettate via le bacche spremute.

Una raccomandazione: Non frullate le bacche, in questo caso i semi del frutto daranno un sapore amaro al liquore che diventerebbe imbevibile.
Ora avrete 2 recipienti: recipiente per l’alcol residuo della macerazione e recipiente per il succo ottenuto dalla spremitura.

Preparate lo sciroppo con la quantità di zucchero che desiderate a seconda che vogliate far prevalere il sapore forte dell’alcol o il dolce dello zucchero.
Otterrete lo sciroppo facendo bollire per circa 30 minuti l’acqua con lo zucchero.

Una volta ottenuto lo sciroppo unitelo con il succo della spremitura delle bacche di mirto e con l’alcol residuo della macerazione.
Il liquore di mirto ottenuto sarà di colore simile a quello delle bacche.

Eneide – GLI ENEADI SULLE COSTE DELLA LIBIA (1.157- 222)

Ecco a voi un nuovo brano dell’Eneide, buona lettura.

Stanchi gli Eneadi cercan di raggiungere a gara
i lidi vicini e si volgono alle spiagge di Libia.
C’è un luogo in profonda insenatura: l’isola crea
un porto con la barriera dei fianchi, su cui ogni onda
dall’alto si frange e si scinde in seni appartati.
Di qua e di là vaste rupi e scogli gemelli minacciano
al cielo, e sotto la loro cima attorno
le acque taccion tranquille; poi sopra una scena di selve
brillanti, ed un nero bosco sovrasta con ombra terrificante.
su fronte opposto una grotta con scogli incombenti;
dentro acque dolci e sedili di vivo sasso,
una casa di Ninfe. Qui nessun cordame trattiene
le stanche navi, non le lega un’ancora con l’attacco adunco.
Qui entra Enea raccolte sette navi da tutto
il numero, ed usciti col grande amore di terra
i Troiani s’impossessano della sabbia bramata
e adagiano sul lido le membra grondanti di sale.
Ma dapprima Acate cavò la scintilla dalla selce
suscitò il fuoco con foglie e diede attorno
secchi alimenti e dallo stimolo ghermì la fiamma.
Poi preparano Cerere (grano) rovinato dalle onde e le armi
di Cerere stanchi dei mali, si accingono ad asciugare
col fuoco i frutti raccolti e macinarli col sasso. 179
Enea intanto ascende lo scoglio, e scruta tutta
la vista attorno nel mare, se mai vedesse qualcuno,
Anteo sbattuto dal vento e le frige biremi
o Capi o le insegne di Caico sulle alte poppe.
Nessuna nave in vista, intravede sul lido tre
cervi erranti; tutte le mandrie li seguono
alle spalle e la lunga schiera pascola per le valli.
Qui si fermò e afferrò con la mano l’arco
e le frecce veloci, armi che il fedele Acate portava,
abbatte anzitutto gli stessi capi sporgenti le alte teste
con le corna ramose, poi avanzando con le armi
scompiglia il volgo e tutta la massa tra i boschi frondosi;
nè si ferma prima che trionfante stenda per terra sette
enormi corpi e adegui il numero con le navi;
di qui si reca al porto e spartisce tra tutti i compagni.
Poi l’eroe divide i vini che il buon Aceste aveva caricato
in barili e aveva dato sul lido trinacrio ai partenti,
e placa con frasi gli animi dolenti:
“ O amici certo non siamo ignari prima dei mali,
o ne provaste più gravi, un dio pure ad essi darà una fine.
voi avvicinaste anche la rabbia scillea e totalmente
gli scogli risonanti, voi anche provaste le rocce
ciclopiche: rianimate i cuori e lasciate il triste
timore; forse un giorno gioverà ricordare anche questo.
Tra varie vicende, tra tanti rischi di eventi
miriamo al Lazio, dove i fati mostrano dimore
tranquille; là è giusto risorgano i regni di Troia:
resistete e mantenetevi per giorni migliori.”
Così dice a parole e triste per gli enormi affanni
finge col volto fiducia, reprime nel cuore il forte dolore.
Essi si accingono alla preda ed ai banchetti futuri:
strappan dalle costole i dorsi ed apron le viscere;
parte tagliano in pezzi e li infilano vibranti con spiedi,
mettono caldaie sul lido ed altri forniscono fiamme.
Poi col cibo riprendon le forze, e sparsi nell’erba
si riempion di vecchio Bacco e ricca selvaggina.
Dopo che fu tolta la fame e sgombrate le mense
con lungo parlare rievocano gli amici perduti,
tra la speranza e la paura del dubbio, sia li credano vivere
sia soffrire la fine nè più sentire, (anche se chiamati).
Soprattutto il pio Enea ora piange tra sè la sorte del fiero 220
Oronte, ora di Amico ed i crudeli destini
di Lico ed il forte Giante ed il forte Cloanto.

LA JOTA TRIESTINA

La JOTA è senza dubbio la più caratteristica zuppa friulana, tipica della Carnia; il suo nome deriva dallo spagnolo “jota”, ossia “potacchio”; in terra triestina è più ricca in quanto tra gli ingredienti ci sono anche le costolette affumicate.

Ingredienti per 4 persone:

250 g fagioli secchi borlotti; 500 g patate; 750 g crauti; 300 g costine di maiale affumicate; una cipolla,due spicchi d’aglio,due foglie di alloro,un cucchiaino di farina, alcuni grani di  Kümmel  (il cumino dei prati ).

Preparazione:
Lessare i fagioli in abbondante acqua,precedentemente ammollati, per circa mezz’ora; lessare le patate 20 minuti, pelarle e tagliarle a quadretti che salterete in padella dove avrete imbiondito mezza cipolla; soffriggere la farina e l’aglio in una teglia dove verserete i crauti con il kummel ( la cottura richiede almeno due ore a fuoco lento rimescolando frequentemente ed aggiungendo un pò d’acqua in modo che non si attacchino ); versare il tutto in una pentola capiente, coprire d’acqua,e lasciar bollire per circa un ora. Alla fine salare. Per gustarla al meglio mangiatela il giorno dopo, previa breve ribollitura.

Eneide-NETTUNO, DIO DEL MARE, INTERVIENE

Per gli appassionati dell’Eneide continuiamo con la pubblicazione del primo libro.

1.124-156
Intanto Nettuno s’accorse che il mare era sconvolto da grande
rumore e che la bufera era scatenata e dai profondi abissi
le acque eran agitate, seriamente sdegnato, e affacciandosi
dall’alto alzò il capo maestoso sulla cima dell’onda.
Vede la flotta d’Enea dispersa per tutto il mare,
i Troiani sommersi dai flutti e dal disastro del cielo;
nè sfuggirono al fratello gli inganni e le ire di Giunone.
Chiama a sè Euro e Zefiro, poi parla così:
“Forse così tanta sicurezza della vostra razza vi sostenne?
ormai senza il mio volere osate sconvolgere cielo e terra,
venti, e alzare così grandi masse?
Perchè io vi…ma è meglio calmare i flutti sconvolti.
Poi mi pagherete i misfatti con pena non omparabile.
Affrettate la fuga e così dite al vostro re:
non a lui fu dato il potere del mare ed il severo tridente,
ma a me per fato. Lui possiede le enormi rocce,
le vostre case, Euro; si sbatta in quella sede
Eolo e regni sul chiuso carcere dei venti”.
Così parla, e con l’ordine ben presto placa il gonfio mare
spazza via le nubi raccolte e riporta il sole.
Cimotoe insieme e Tritone sforzandosi disincaglian
le navi dallo scoglio aguzzo; lui le alza col tridente
apre le vaste Sirti e placa il mare
e colle ruote leggere percorre le cime delle onde.
E come in una grande folla quando spesso è nata
una sommossa ed il volgo plebeo infuria con violenze
ed ormai volano incendi e sassi, la rabbia procura armi;
allora, se per caso han visto un uomo serio per virtù
e meriti, tacciono e stanno con orecchie attente;
egli guida i cuori con le parole e addolcisce gli spiriti:
così tutto il frastuono del mare cessò, dopo che il padre
affacciandosi sull’acque e portato nel cielo aperto
piega i cavalli e volando col cocchio veloce dà le briglie.

Monumento nazionale a Vittorio Emanuele II

Oggi vorrei dedicare un articolo al mio monumento preferito piazzato al centro di Roma, il Monumento nazionale a Vittorio Emanuele II conosciuto da tutti con il nome di Vittoriano o altare della Patria. Questo monumento ospita anche il sacrario del Milite Ignoto in cui sono conservate le spoglie di un soldato Italiano morto per difendere la patria durante la prima guerra mondiale, ogni volta che vado a Roma non posso fare a meno di andare ad ammirarlo.

La storia del monumento iniziò nel 1878 quando, alla morte del re Vittorio Emanuele II, con una legge del 16 maggio, la n. 115, venne deciso: “Sarà eretto in Roma un monumento nazionale alla memoria di Re Vittorio Emanuele, liberatore della patria, fondatore della sua unità”. Fu bandito un concorso per la sua progettazione; gli elementi principali del programma erano: “Il monumento sorgerà sull’altura settentrionale del Colle Capitolino, sul prolungamento dell’asse del Corso, ed in prospetto ad esso (…) sarà composto dalle seguenti parti: a) la statua equestre in bronzo di Vittorio Emanuele II (…); b) un fondo architettonico (…); c) le scale, che saliranno alla nuova spianata del monumento. (…) I concorrenti dovranno (…) rammentare con l’arte (…) gli uomini e gli avvenimenti che, sempre in relazione a Vittorio Emanuele, Padre della Patria, meglio cooperarono alla indipendenza e libertà nazionale”. 

Una Commissione stabilì di escludere qualsiasi concetto di “Pantheon, vasto sacrario, destinato ad accogliere quanti precorsero col pensiero, aiutarono col braccio e suggellarono col sangue la fede che vinse con Vittorio Emanuele” e di dedicare il monumento alla sola memoria del Re, che “non fu il primo, ma il solo, non fu la parte ma il tutto”. Furono presentati duecentonovantatre progetti che, date le diversità d’impostazione e di collocazione, risultarono ben difficilmente paragonabili. Si andava infatti da progetti relativamente semplici di statue equestri, o di colonne, a idee come quella del Corinti, che determinava, attraverso una grande torre presso Porta Maggiore ed un asse fino all’Esedra, la forma della nuova Roma sui colli. 

Fu indetto pertanto un secondo bando e, dal successivo ballottaggio tra i primi tre progetti, risultò nel 1885 vincitore Giuseppe Sacconi, un giovane architetto marchigiano. L’area scelta per la costruzione (inizialmente pensata a Piazza Esedra) fu Piazza Venezia, a ridosso del Campidoglio, perciò a partire dal 1885 si demolì metà del Colle Capitolino; scomparvero via Della Pedacchia, via Di Testa Spaccata, via Della Ripresa Dei Berberi, e monumenti come la Torre di Paolo III che metteva in comunicazione Palazzo S. Marco (sede papale) con il Campidoglio. Il complesso monumentale, completato soltanto nel 1935, venne precedentemente inaugurato da Vittorio Emanuele III il 4 giugno 1911, in occasione dell’Esposizione Internazionale che celebrava il cinquantenario dell’Unità d’Italia. Dal 1921 una parte del Vittoriano fu trasformata in Monumento al Milite Ignoto, accogliendo in una cripta, nel nucleo centrale, le spoglie di un soldato morto durante la prima guerra mondiale. La cerimonia ed il trasporto delle spoglie da Aquileia a Roma avvennero fra ali di folla in attesa, stazione dopo stazione: “Fu la più grande manifestazione patriottica corale che l’Italia unitaria abbia mai visto”, spiega lo storico Bruno Tobia, sottolineando che anche socialisti e comunisti (ufficialmente contrari alle celebrazioni) “portarono il loro ossequio al fratello caduto, al proletario straziato da altri proletari”. Con l’occasione, il Vittoriano riuscì a farsi identificare come “tempio laico della nazione”. La qualità simbolica appena riconquistata dal monumento, tuttavia, venne subito sovrastata dalla retorica del fascismo che lo trasformò in palcoscenico di regime. 

Architettonicamente, il tentativo del Vittoriano, grande monumento all’Unità, era stato quello di fondare lo “stile nazionale”. Alla base della scalea in facciata ci sono gruppi di sculture di bronzo dorato, raffiguranti il Pensiero e l’Azione, di antica ispirazione mazziniana. A metà della scalea sono posti “due leoni” e alla sommità due “Vittorie Alate” su rostri. Sui lati esterni ci sono due grandi fontane con le figure del mare Tirreno e Adriatico. In questo modo, il monumento simbolo dell’Italia ha sui fianchi, come la penisola stessa, i due mari maggiori. Quindi, sulle terrazze sopra le fontane, altri quattro gruppi scultorei in marmo, simbolo delle virtù che rendono salda una nazione: la Forza, la Concordia, il Sacrificio e il Diritto. Al sommo della scalea è l’Altare della Patria, ornato da una grande statua della personificazione di “Roma”, a significare come negli ideali del Risorgimento non si potesse immaginare l’Italia unita senza Roma capitale. Verso Roma convergono maestosi altorilievi raffiguranti i cortei del Lavoro e dell’Amor di Patria che rendono la nazione operosa. 

All’interno di questo sacello è stata posta la tomba del Milite Ignoto. Le scale continuano a salire perché a percorrerle è il corteo ideale degli italiani, e si riuniscono sotto la statua bronzea equestre. La base della statua è ornata dalle personificazioni delle città italiane. Su quattro colonne svettano “Vittorie Alate”. Poi, le raffigurazioni, della Politica, della Filosofia della Rivoluzione e della Guerra, a significare gli strumenti del pensiero e dell’azione utili alla libertà della Patria. Sotto l’alto portico, otto altari ricordano le città liberate nella prima guerra mondiale, e dietro a loro si trova un macigno del Monte Grappa. Lungo 72 metri, il portico ha una fronte leggermente concava con sedici colonne reggenti la trabeazione, ornata dalle personificazioni delle regioni d’Italia. Al suo interno, raffigurazioni delle Scienze alternate a trofei di guerra; da qui si gode uno dei più suggestivi panorami di Roma. Nel monumento hanno sede l’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano e il Museo Sacrario delle Bandiere della Marina Militare. Sono altresì conservate tutte le bandiere da combattimento di tutti i reggimenti italiani, dall’unità alla seconda guerra mondiale, a corona della cripta dove è sepolto il Milite Ignoto. 

Il Vittoriano non è mai stato solo un monumento da contemplare, ma da sempre è anche teatro di importanti momenti celebrativi; ciò ha accentuato il suo ruolo di simbolo di identità nazionale. Si pensi alla grandiosa manifestazione del 2 novembre 1915 in ricordo dei caduti di guerra e, per arrivare ai tempi recenti, alle parole del presidente Ciampi che, in occasione della cerimonia di apertura dell’anno scolastico che qui si svolse, affermò: “[…] Questo monumento sta vivendo una seconda giovinezza. Lo riscopriamo simbolo dell’eredità di valori che le generazioni del Risorgimento ci hanno affidato. Le fondamenta di questi valori sono qui incise nel marmo: l’unità della Patria, la libertà dei cittadini […]”. Il presidente si riferiva ai soggetti delle quadrighe di coronamento poste sopra ai due propilei.
Il monumento è proprietà del Ministero dei Beni Culturali ed è gestito, dal dicembre 2014, dal Polo Museale del Lazio.

fonti:
oltre magazine e wikipedia

Eneide – La Tempesta

Oggi continuiamo la pubblicazione dell’Eneide, buona lettura.

LA TEMPESTA (1.81- 123)

Come ciò detto, ribaltata la lancia, colpì
alla costa il cavo monte; ed i venti come fatta una schiera
dov’ è dato lo sbocco, corrono e flaggellan le terre col soffio.
Bloccarono il mare e tutto dal massimi fondi
insieme Euro e Noto vanno ed Africo denso
di bufere, e riversan i vasti flutti sui lidi.
Ne segue un grido di uomini ed uno stridio di cordami;
subito le nubi strappano il cielo ed il giorno
dagli occhi dei Teucri; nera sul mare sovrasta la notte;
Tuonarono i poli e l’etere splende di densi fuochi
tutto minaccia sugli uomini una morte imminente.
All’istante le membra di Enea si sciolgono dal brivido;
geme e tendendo entrambe le mani alle stelle
così esprime a voce: “O tre quattro volte felici,
cui toccò affrontare la morte davanti ai volti dei padri e sotto
le alte mura di Troia. O Tidide, il più forte della razza
dei Danai. Io, non aver potuto cadere nelle piane iliache
e spendere questa vita per mano tua, dove giace
il fiero Ettore per l‘arma dell’Eacide, dove Sarpedo gigante,
dove sotto l’onde il Simoenta travolge tanti scudi strappati
ed elmi e forti spoglie d’eroi.”
A lui che grida così un turbine nemico stridendo per Aquilone
ferisce la vela e solleva i flutti alle stelle.
Si spaccano i remi, poi si rovescia la prora ed offre il fianco
alle onde, l’insegue un monte spezzato con la (sua) massa d’acqua.
Questi pendono in cima l flutto; a questi un’onda aprendosi
scopre tra i flutti la terra, il risucchio infuria sulle sabbie.
Noto tormenta tre navi strappate nelle rocce latenti
rocce che gli Itali chiamano Are in mezzo ai flutti,
enorme dorsale in cima al mare, tre le spinge Euro dall’alto
anche negli stretti di Sirte, miserevole (spettacolo) a vedersi,
e le sbatte nelle secche e le cinge d’un muro di sabbia.
Una, che portava i Lici ed il fidato Oronte,
sotto i suoi occhi l’enorme marea la ferisce dall’alto
sulla poppa: il pilota bocconi è sbalzato e rotolato
a capofitto, ma tre volte il flutto la tortura lì ancora
roteandola e un rapido vortice con l’acqua la divora.
Pochi appaiono nuotando nel vortice vasto,
armi d’eroi e tavole e tesori troiani tra le onde.
Ormai la robusta nave d’Ilioneo, ormai (quella) del forte Acate,
e (quella) da cui (é) portato Abante, e (quella) da cui il vecchio Alete, le ha vinte la bufera; tutte con l’insieme dei fianchi sfasciato accettano la pioggia nemica e per le falle si aprono.

Caino e Abele

Di seguito vi propongo il famoso brano del quarto libro della Genesi in cui si possono leggere alcuni aspetti dell’animo umano, dalla gelosia fino alla necessità di sentirsi amati passando attraverso il fuoco dell’odio.

4 Adamo si unì a Eva sua moglie, la quale concepì e partorì Caino e disse: «Ho acquistato un uomo dal Signore». 2 Poi partorì ancora suo fratello Abele. Ora Abele era pastore di greggi e Caino lavoratore del suolo.
3 Dopo un certo tempo, Caino offrì frutti del suolo in sacrificio al Signore;4 anche Abele offrì primogeniti del suo gregge e il loro grasso. Il Signore gradì Abele e la sua offerta, 5 ma non gradì Caino e la sua offerta. Caino ne fu molto irritato e il suo volto era abbattuto. 6 Il Signore disse allora a Caino: «Perché sei irritato e perché è abbattuto il tuo volto? 7 Se agisci bene, non dovrai forse tenerlo alto? Ma se non agisci bene, il peccato è accovacciato alla tua porta; verso di te è il suo istinto, ma tu dòminalo».8 Caino disse al fratello Abele: «Andiamo in campagna!». Mentre erano in campagna, Caino alzò la mano contro il fratello Abele e lo uccise. 9 Allora il Signore disse a Caino: «Dov’è Abele, tuo fratello?». Egli rispose: «Non lo so. Sono forse il guardiano di mio fratello?». 10 Riprese: «Che hai fatto? La voce del sangue di tuo fratello grida a me dal suolo! 11 Ora sii maledetto lungi da quel suolo che per opera della tua mano ha bevuto il sangue di tuo fratello. 12 Quando lavorerai il suolo, esso non ti darà più i suoi prodotti: ramingo e fuggiasco sarai sulla terra». 13 Disse Caino al Signore: «Troppo grande è la mia colpa per ottenere perdono? 14 Ecco, tu mi scacci oggi da questo suolo e io mi dovrò nascondere lontano da te; io sarò ramingo e fuggiasco sulla terra e chiunque mi incontrerà mi potrà uccidere». 15 Ma il Signore gli disse: «Però chiunque ucciderà Caino subirà la vendetta sette volte!». Il Signore impose a Caino un segno, perché non lo colpisse chiunque l’avesse incontrato. 16 Caino si allontanò dal Signore e abitò nel paese di Nod, ad oriente di Eden.
La discendenza di Caino
17 Ora Caino si unì alla moglie che concepì e partorì Enoch; poi divenne costruttore di una città, che chiamò Enoch, dal nome del figlio. 18 A Enoch nacque Irad; Irad generò Mecuiaèl e Mecuiaèl generò Metusaèl e Metusaèl generò Lamech. 19 Lamech si prese due mogli: una chiamata Ada e l’altra chiamata Zilla. 20 Ada partorì Iabal: egli fu il padre di quanti abitano sotto le tende presso il bestiame. 21 Il fratello di questi si chiamava Iubal: egli fu il padre di tutti i suonatori di cetra e di flauto.22 Zilla a sua volta partorì Tubalkàin, il fabbro, padre di quanti lavorano il rame e il ferro. La sorella di Tubalkàin fu Naama.
23 Lamech disse alle mogli:
Ada e Zilla, ascoltate la mia voce;
mogli di Lamech, porgete l’orecchio al mio dire:
Ho ucciso un uomo per una mia scalfittura
e un ragazzo per un mio livido. 
24 Sette volte sarà vendicato Caino
ma Lamech settantasette».
Set e i suoi discendenti
25 Adamo si unì di nuovo alla moglie, che partorì un figlio e lo chiamò Set. «Perché – disse – Dio mi ha concesso un’altra discendenza al posto di Abele, poiché Caino l’ha ucciso».
26 Anche a Set nacque un figlio, che egli chiamò Enos. Allora si cominciò ad invocare il nome del Signore.

Sacra Bibbia versione Cei.

Eneide

Da Oggi procederò a pubblicare periodicamente brani del capolavoro di Virgilio l'”Eneide”, opera fondamentale della cultura Italiana.

PROTASI ED INVOCAZIONE (1-11)

Canto le armi e l’eroe, che per primo dalle coste di Troia
profugo per fato toccò l’Italia e le spiagge
lavinie, lui molto sbattuto e per terre e per mare
dalla forza degli dei, per l’ira memore di Giunone crudele,
e tribolato molto anche da guerra, finchè fondasse la città
e portasse gli dei per il Lazio; donde (venne) la razza latina
i padri albani e le mura dell’alta Roma.
Musa ricordami le cause, per quale divinità lesa
o che lamentando, la regina degli dei abbia spinto
l’eroe famoso per pietà a dipanare tanti eventi, ad affrontar
tanti dolori. Forse così grandi ( sono) le ire per i cuori celesti?

GIUNONE ADIRATA (12-80)

Vi fu un’antica città, Cartagine, la occuparono coloni
Tirii, lontano contro l’Italia e le bocche Tiberine,
ricca di beni e fortissima per le passioni di guerra,
che Giunone, si dice, abbia amato più di tutte le terre,
posposta (anche ) Samo. Qui le sue armi,
qui il cocchio ci fu; la dea già allora, lo aspira e lo cura,
sia questo regno per (tali) popoli, se mai i fati permettano.
Ma aveva sentito che una stipe di sangue troiano si formava,
che un tempo muterebbe le fortezze tirie;
di qui sarebbe giunto un popolo ampiamente capo e superbo
in guerra per la rovina di Libia; così filavan le Parche.
Temendo ciò e memore della antica guerra la Saturnia,
perchè per prima l’aveva mossa a Troia per la cara Argo –
nè ancora eran cadute dal cuore le cause dell’ira e
gli acuti dolori: resta nascosto nell’alta mente
il giudizio di Paride e l’oltraggio della bellezza sprezzata
e la stirpe odiata e i favori di Ganimede rapito:
bruciata per questo, scagliati per tutto il mare,
spingeva lontano dal Lazio i Troiani, avanzi dei Danai
e del crudele Achille, e per molti anni
pressati dai fati erravano per tutti i mari.
Così tanto costava fondare la gente romana.
Appena alla vista della terra sicula in alto mare
lieti alzavan le vele e ne rompevan le spume col bronzo,
che Giunone serbando nel petto l’eterna ferita
questo tra sè: “Io desistere forse dall’iniziativa, vinta,
nè poter deviar dall’Italia il re dei Teucri.
Son proprio bloccata dai fati. Ma Pallade potè bruciare
la flotta degli Argivi e sommergerli nel mare
per la colpa e le furie del solo Aiace Oileo?
Lei scagliato dalle bubi il rapido fuoco
frantumò e le barche e sconvolse le acque coi venti,
con la bufera lo agguantò, trapassato il petto, esalante
fiamme e lo inchiodò sullo scoglio aguzzo;
ma io, che procedo regina degli dei e di Giove
sia sorella che sposa, con una sola razza tanti anni
faccio guerre. Ma nessuno adora la maestà di Giunone
mai più o supplice porrà offerte su altari?”
La dea cose meditando tali cose tra sè con animo acceso
giunse in Eolia, patria di tempeste, luoghi pieni
di Austri furenti. Qui Eolo in vasta caverna
blocca i venti violenti e le roboanti tempeste chiasmo
con autorità e li frena con catene e prigione.
Essi riluttanti con grande brontolio del monte
fermono attorno le sbarre; Eolo siede sull’alta fortezza
tenendo gli scettri e placa i cuori e controlla le ire.
Se non lo facesse, davvero rapidi prenderebbero mari
e terre ed il cielo profondo e con sè spazzerebbero per l’aria;
ma il padre onnopotente li nascose in nere caverne
temendo ciò, e sovrappose una mole ed alti monti
e diede un re, che con norma sicura sapesse
sia bloccare che al comando allentare le briglie.
Ma con lui dunque supplice Giunone usò queste frasi:
“Eolo, a te infatti il padre degli dei e re degli uomini
concesse sia di calmare che alzare i flutti col vento,
una razza a me avversa naviga il mare tirreno
portando in Italia Ilio ed i vinti penati:
lancia una forza coi venti e copri le poppe sommerse
o falli sbandati e disperdine i corpi nel mare.
Io hodativo di possesso quattordici Ninfe di corpo formoso
di cui quella più bella d’aspetto, Deiopea,
legherò di unione stabile e donerò speciale,
che tutti gli anni passi per tali meriti
con te e ti renda padre di bella prole.
Eolo questo rispose: “Tuo il disturbo, o regina,
cercare quello che vuoi; per me è legge eseguire i comandi.
Tu quel po’ di potere, tu gli scettri e Giove
mi accordi, tu mi fai sedere alle feste degli dei
e mi rendi padrone di tempeste e bufere.

Verso la Guerra.

In seguito alle politiche tenute dal regno di Sardegna e alle provocazioni del conte di Cavour, l’Austria si prepara a dichiarare guerra all’Italia che forte dell’appoggio dell’Inghilterra e della Francia si prepara al conflitto con gli Asburgo.

Il giorno 23 aprile il conte di Cavour si presentò alla Camera dei Deputati, che era convocata in tornata straordinaria al mezzodì, per chiedere i pieni poteri: l’aula era affollatissima. Il ministro lesse brevi parole per rendere ragione di quella domanda: furono pronunciate con voce vibrata e comossa, ascoltate con silenzio religioso; quando ebbe finito fu un grido unanime e fragoroso di: Viva il Re! Molti deputati piangevano; fu un momento di sublime commozione. La Camera deliberò di occuparsi senza indugio della proposta ministeriale.

Da G. Massari: Ricordi biografici del conte di Cavour.

“Il canto degli italiani”

L’articolo di oggi tratterà la storia dell’inno Italiano, dalle origini alla scelta come inno Nazionale della Repubblica Italiana nel 1946.

I versi del nostro Inno Nazionale vennero scritti dal mazziniano Goffredo Mameli , poeta e patriota genovese il quale, durante gli esaltanti anni risorgimentali, faceva parte di quella generazione che amava i sogni, disprezzava il successo e serviva la causa più con il sangue che con la vittoria.
Goffredo Mameli era nato a Genova il 5 agosto 1827. All’epoca l’Italia era divisa in 8 piccoli Stati governati, in maniera dispotica, da dinastie in massima parte straniere. Questa frantumazione politica e la mancanza di libertà e di democrazia, fecero approdare il giovane autore del nostro Inno agli ideali mazziniani che ipotizzavano un’Italia libera ed unita. L’attivismo “rivoluzionario” di Mameli si evidenziò con forza incontenibile nel 1846, nel Capoluogo ligure durante le cerimonie organizzate per ricordare il leggendario episodio del ragazzo G. Perasso, detto “Balilla”, a cento anni dal fatto. Nella circostanza le varie manifestazioni commemorative vennero trasformate in veri moti popolari per costringere C. Alberto a concedere lo Statuto.
Il 10 settembre 1847, mentre Mameli si trovava in casa del console francese a Genova, dove spesso si discuteva di politica, scrisse di getto la poesia romantica risorgimentale: “Il canto degli italiani”, per esprimere con vigore e commozione le tensioni di quel particolare momento storico ed esaltare i valori della Patria. Infatti nel carme viene spesso sottolineato che gli italiani devono amarsi ed unirsi. C’è anche un fugace riferimento a Scipione (il valoroso e vittorioso guerriero romano), all’evidente scopo di richiamare il patrimonio di esempi, di memorie e di gloria lasciatoci dai nostri antichi progenitori: i romani! “Il canto degli italiani” venne subito stampato a Livorno e non a Genova, per evitare la censura piemontese, e diffuso in tutto il Regno.
La sera del 24 novembre 1847 a Torino, nel corso di una riunione nell’abitazione di Lorenzo Valeri (noto democratico piemontese), alla quale partecipava anche il compositore Michele Novara, uno dei presenti che era appena giunto da Genova consegnò a quest’ultimo un foglietto, inviatogli da Mameli, sul quale era trascritto “Il canto degli italiani”. Il musicista lo lesse ad alta voce ed esclamò: “stupendo”! poi con le lacrime agli occhi, si portò al cembalo per trovare un accompagnamento musicale a questi versi infuocati. Al momento, afferma il Novara: “misi giù frasi melodiche, una sull’altra, ma lungi le mille miglia dall’idea che potessero adattarsi a quelle parole”. Scontento si recò subito a casa dove, nella notte, diede a questo poema di speranza e di battaglia, una musica fortemente ritmata e coinvolgente. Ne risultò così un Inno, definito da Garibaldi “trascinante e guerriero”.
Mameli perse la vita il 6 luglio 1849 (aveva appena 21 anni), a seguito di ferite riportate combattendo con Garibaldi, durante l’assedio di Roma. Tale immatura morte sul campo, è una chiara testimonianza che per lui il verso del suo Inno: “siam pronti alla morte”, non è un addobbo retorico, ma qualcosa di veramente sentito.
Nel 1946, con l’avvento della Repubblica, “Il canto degli italiani” è diventato il nostro Inno Nazionale. Scelta certamente non casuale perché dopo la caduta del fascismo e le disastrose conseguenze della seconda guerra mondiale, occorreva ritrovare l’Italia del dopo Risorgimento che si impose non solo per la collaborazione, operosità e rigore dei cittadini, ma anche per il loro senso di appartenenza ad una sola Patria.

Le parole.

Segue il testo completo del poema originale scritto da Goffredo Mameli, tuttavia l’Inno italiano, così come eseguito in ogni occasione ufficiale, è composto dalla prima strofa e dal coro, ripetuti due volte, e termina con un “SI” deciso.

Fratelli d’Italia, 
L’Italia s’è desta; 
Dell’elmo di Scipio 
S’è cinta la testa. 
Dov’è la Vittoria? 
Le porga la chioma; 
Ché schiava di Roma 
Iddio la creò.

Stringiamci a coorte! 
Siam pronti alla morte; 
L’Italia chiamò.

Noi siamo da secoli
Calpesti, derisi,
Perché non siam popolo,
Perché siam divisi.
Raccolgaci un’unica
Bandiera, una speme;
Di fonderci insieme
Già l’ora suonò.

Stringiamci a coorte! 
Siam pronti alla morte; 
L’Italia chiamò.

Uniamoci, amiamoci;
L’unione e l’amore
Rivelano ai popoli
Le vie del Signore. 
Giuriamo far libero 
Il suolo natio:
Uniti, per Dio,
Chi vincer ci può?

Stringiamci a coorte! 
Siam pronti alla morte; 
L’Italia chiamò.

Dall’Alpe a Sicilia, 
Dovunque è Legnano; 
Ogn’uom di Ferruccio 
Ha il core e la mano; 
I bimbi d’Italia
Si chiaman Balilla; 
Il suon d’ogni squilla 
I Vespri suonò.

Stringiamci a coorte! 
Siam pronti alla morte; 
L’Italia chiamò.

Son giunchi che piegano 
Le spade vendute;
Già l’Aquila d’Austria
Le penne ha perdute.
Il sangue d’Italia
E il sangue Polacco
Bevé col Cosacco,
Ma il cor le bruciò.

Stringiamci a coorte! 
Siam pronti alla morte; 
L’Italia chiamò. 

File audio.

Translate »