I fratelli bandiera

In questo pezzo L. Settembrini ricorda il martirio dei giovani fratelli bandiera e dei loro compagni accorsi in Calabria per dare una mano nella rivolta di Cosenza.

Nel mese di giugno giunsero in Calabria i fratelli Bandiera, il Ricciotti, il Moro e altri compagni. Questi sventurati e generosi giovani vennero tratti dalle voci sparse ad arte che i rivoltosi di Cosenza stavano sulle montagne, combattevano e desideravano capi. Un bandito calabrese, detto il Nivaro, rifuggito a Corfù, li guidava. S’indirizzarono verso San Giovanni in Fiore, chiamarono fratelli quelli che incontrarono, dissero che erano venuti per aiutarli e liberarli: furono battuti, rubati, spogliati; nove di essi fucilati, gli altri mandati in galera. Morirono col coraggio dei martiri, intrepidi, dignitosi, ammirati anche da quelli che li condannarono, pianti in segreto da tutti.
Ora tanto sangue sparso, tanti sforzi fatti l’un dopo l’altro, tanti uomini che gemono nelle galere e tanti altri che son pronti a fare lo stesso, senza temere le stesse e maggiori pene, mostrano chiaramente che la nazione soffre mali insopportabili, che non è degna della sua oppressura, e vuole e deve cangiare condizione.

da L. Settembrini: Protesta del popolo delle Due Sicilie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *