VENERE ED ENEA – Eneide

Continuano le avventure di Enea.

Ma il pio Enea meditando moltissimo durante la notte,
appena fu data la luce vitale decise di uscire ed esplorare
i nuovi luoghi, quali spiagge abbia raggiunto col vento,
chiedere chi, se uomini o belve, poichè vede (luoghi) incolti,
li abiti e riferire ai compagni cose esatte.
Occulta nella rientranza dei boschi sotto una rupe scavata
la flotta chiusa attorno da alberi e fresche ombre;
egli accompagnato dal solo Acate avanza
brandendo in mano due giavellotti di largo ferro.
Ma lui si offerse incontro la madre in mezzo al bosco
tenendo un volto ed un portamento di ragazza ed armi
di ragazza spartana, o quale la tracia Arpalice (che)
affatica i cavalli e sorpassa in fuga il veloce Ebro.
Infatti secondo l’uso la cacciatrice aveva sospeso alle spalle
il comodo arco e aveva lasciato sciogliere la chioma ai venti
nuda il ginocchio e raccolte con nodo le vesti fluenti.
E per prima disse:”Olè, giovani, mostrate se mai
vedeste qui una delle mie sorelle errante,
cinta di faretra e della pelle di una lince chiazzata,
o incalzante con grida la corsa d’un cinghiale schiumante”.
Così Venere e così il figlio di Venere in risposta cominciò:
“Nessuna delle tue sorelle fu da me vista nè sentita,
oh, come parlarti, ragazza? Infatti non hai volto
mortale, nè la voce richiama una creatura, oh, dea davvero
o sorella di Febo? oppure una della famiglia delle Ninfe?
Sii favorevole, qualunque (tu sia) e allevia il nostro affanno
e rivela finalmente sotto che cielo, in quali spiagge del mondo
siamo gettati: ignari sia delle persone che dei luoghi
erriamo spinti qui dal vento e dai vasti flutti.
Molta vittima cadrà per te davanti agli altari per nostra mano”
Allora Venere: “Veramente non mi degno di tale onore;
per le ragazze tirie è costume portar la faretra
e legare col purpureo coturno le gambe.
Vedi regni punici, Tirii e la città di Agenore;
ma territori libici, razza indomabile in guerra.

Verso il fronte

Oggi vi propongo un brano del Massari in cui descrive il momento della partenza dell’esercito piemontese verso il fronte.

Partenza delle truppe piemontesi.

Mentre gli inviati austriaci passeggiavano per la città e facevano quelle riflessioni, le truppe piemontesi incominciavano a partire verso la frontiera. Il conte di Cavour si recò in persona a salutare al momento della partenza alcuni battaglioni della quarta divisione ed il suo bravo comandante, il generale Cialdini. Partivano lieti, contenti, pieni di entusiasmo. Quale spettacolo! Al fischio della locomotiva suonava la banda militare; gli astanti battevano le mani, i soldati gridavano: Viva il Re! “Partono lieti”, diceva il conte, in balia ad una grande commozione,” e si vede che quell’allegrezza non è simulata. I piemontesi non conoscono vie di mezzo: o si ritirano o si battono a meraviglia… Io credo che si batteranno bene. Tornino carichi di gloria!”

G. Massari: Ricordi biografici del conte di Cavour.

Consegna dell’ultimatum.

In questo pezzo il Massari ci descrive il momento in cui i delegati Austriaci consegnano l’ultimatum al conte di Cavour e la sua reazione tranquilla, forte dell’appoggio popolare e dell’alleanza con la Francia.

Poco dopo il ministro prussiano, conte Brassier de Saint Simon, scriveva al conte di Cavour essere giunto da Milano il conte di Kellesperg, il quale aveva incarico di consegnargli una lettera del conte Buol. Rispose senza indugio sarebbe stato al ministero fino alle 5 e tre quarti, tornarci dopo le 9. Alle 5 e un quarto gli inviati austriaci condotti dal conte di Brassier si recarono al palazzo del Ministero: il conte Kellesperg fu gentilissimo e nel presentare la lettera disse di ignorarne il contenuto. Il conte di Cavour la dissuggellò, la lesse: era l’ultimatum; chiedeva risposta per sì o per no; dava tempo tre giorni. Il conte cavò l’oriuolo; erano le cinque e mezzo : diede quindi appuntamento al conte di Kellesperg fra tre giorni a quell’ora medesima.
Durante i tre giorni della loro dimora a Torino gli inviati austriaci furono assai colpiti dall’atteggiamento tranquillo e dignitosissimo della popolazione; e manifestarono al diplomatico prussiano la meraviglia che quello spettacolo produceva negli animi loro, e l’ammirazione che sperimentavano verso un popolo che alla vigilia di una guerra era pieno di tanta serenità. Videro con i propri occhi che la politica del conte di Cavour non era una politica avventata, né la conseguenza del capriccio di un uomo appoggiato da alcuni amici, ma era bensì quella che si riscontrava con i più cari desideri del paese, che ne esprimeva fedelmente le aspirazioni ed i voleri. Anche l’aspetto materiale di Torino fece grande impressione sugli inviati austriaci; e rimirando le spaziose e simmetriche vie esclamavano: “ Peccato! Questa magnifica città di qui a qualche giorno sarà esposta a tutti gli orrori della guerra!”. Tanto erano persuasi che le truppe austriache sarebbero giunte fino a Torino!

G. Massari: Ricordi biografici del conte di Cavour.

Eneide – DESTINO DEGLI ENEADI

Oggi un nuovo brano dell’Eneide in cui Giove descrive il futuro di Roma e della stirpe di Enea.

Ed ormai era la fine, quando Giove dalla sommità del cielo
guardando il mare, vi volan le vele, e le terre distese
ed i lidi e i vasti popoli, così si fermò al vertice
del cielo e fissò gli occhi sui regni di Libia.
Ma parlò a lui che meditava in cuore tali pensieri Venere
piuttosto triste e sparsa gli occhi splendenti di lacrime:
“O tu che reggi le sorti di uomini e dei
con poteri eterni ed atterrisci col fulmine,
che poteron commetter di sì grave contro di te il mio Enea,
che cosa i Troiani, cui dopo aver patito tante stragi
si chiude tutto il mondo a causa dell’Italia?
Veramente che di qui un giorno i Romani, passando gli anni,
di qui sarebbero i capi, dal sangue rinnovato di Teucro,
che possedessero il mare, e tutte le terre con autorità,
avendolo tu promesso – quale decisione , o padre, ti cambia?
con questo davvero consolavo il tramonto di Troia e le tristi
rovine ripagando i fati contrari con fati (nuovi);
Ora la stessa dorte perseguita eroi spinti da tante disgrazie.
Che termine dai delle fatiche, o gran re?
Antenore sfuggito di mezzo agli Achivi potè
penetrare i golfi illirici e superare sicuro gli interni
regni dei Liburni e la fonte del Timavo,
da cui per nove bocche con vasto frastuono del monte
giunge il mare scosceso e rompe campi con massa ruggente.
Qui almeno egli stabilì la città di Padova e le dimore
dei Teucri e diede un nome al popolo fissò le armi
troiane, ora assicurato da placida pace riposa:
noi, tua progenie, cui prometti la fortezza del cielo,
perdute (cosa indicibile) le navi, per l’ira di una sola
siamo traditi e siamo separati lontano dalle itale spiagge.
Questo il premio della virtù? così ci rimetti ai comandi?”
A lei sorridendo il creatore di uomini e dei
col volto, con cui rasserena cielo e tempeste,
sfiorò le labbra della figlia, quindi parla così:
“ Risparmia la paura, Citerea, ti rimangono intatti i fati
dei tuoi; vedrai la città e le promesse mura
di Lavinio, e sublime porterai alle stelle del cielo
il magnanimo Enea, e la decisione non mi cambia.
Orbene qui ti parlerò, poichè questo affanno ti tormenta,
e più lontano meditando i misteri dei fati (li) manifesterò:
farà una grande guerra in Italia e distruggerà popoli fieri
stabilirà leggi e mura per gli eroi, finchè
la terza estate lo vedrà regnante sul Lazio
e passeranno tre inverni, sconfitti i Rutuli.
Ma il fanciullo Ascanio, cui è aggiunto il nome Iulo
(era Ilo, fin che la realtà ilia restò al potere)
compirà trenta grandi giri (del sole, anni) di potere,
passando i mesi, e trasferirà il regno dalla sede
di Lavinio, e munirà Alba Longa di grande potenza.
Qui ormai si regnerà per trecento anni
sotto il popolo ettoreo, finchè una regina sacerdotessa,
ilia, gravida di Marte darà con parto prole gemellare.
Quindi lieto per la fulva protezione della lupa nutrice
Romolo raccoglierà un popolo e fonderà le mura mavorzie
e dal suo nome esprimerà i Romani.
Per questi non pongo nè limiti d’azione ne tempi:
ho concesso un potere senza fine. Anzi la dura Giunone,
che adesso sconquassa con paura e terre e cielo,
riporterà in meglio le decisioni, con me favorirà
i Romani, signori delle situazioni e popolo togato.
Così si decise. Verrà un’epoca, passando gli anni,
che la casa di Assaraco soggiogherà Fia e la famosa
Micene e dominerà sulla vinta Argo.
Nascerà troiano da bella stirpe Cesare,
che delimiterà l’impero con l’Oceano, ela fama con gli astri,
Giulio, nome derivato dal grande Iulo.
Costui tu l’accoglierai sicura in cielo carico
delle spoglie d’Oriente; costui pure sarà invocato con voti.
Allora finite le guerre i secoli crudeli si mitigheranno:
la bianca Fede e Vesta, Quirini col fratello Remo
faranno le leggi; si chiuderanno col ferro e stretti strumenti
le porte di Guerra; l’empio Furore dentro
sedendo sulle crudeli armi e imprigionato da cento nodi
bronzei dietro la schiena fremerà con la bocca insanguinata.”
Così dice e manda dall’alto il figlio di Maia,
perchè le terre e le nuove fortezze di Cartagine si aprano
per l’ospitalità ai Teucri, che Didone ignara del fato
non (li) cacciasse dai territori. Egli vola per l’ampia aria
col remeggio delle ali e pronto si fermò sulle spiagge di Libia.
Ed ormai esegue gli ordini, ed i Puni lasciano gli animi
fieri, volendolo il dio; anzitutto la regina
ha un animo calmo ed un proposito benevolo verso i Teucri.

Arrivano gli inviati austriaci.

In questo pezzo il Massari ripercorre i momenti in cui il parlamento sardo-piemontese conferiva i poteri speciali al conte di Cavour in previsione di una guerra contro l’Austria (1859).

Alle tre e mezzo giungevano da Milano alla stazione della ferrovia di Porta Susa il barone di Kellesperg ed il conte Ceschi di Santa Croce, i quali avevano l’incarico di recare al Governo piemontese il messaggio austriaco. Il conte di Cavour voleva essere prontamente avvertito dell’arrivo, e ne diede incarico ad un amico, il quale appena fatto certo del fatto andò in gran fretta al palazzo Carignano, dove tuttavia la Camera era raccolta, per darne la nuova. L’amico scrisse su di un cattivo pezzo di carta:”Sono giunti; li ho veduti”. Egli l’ebbe proprio nel momento nel quale il presidente dell’Assemblea annunciava che la Camera aveva consentita la legge per i pieni poteri. Uscì dall’aula frettolosamente fra le grida di Viva il Re!, ed incontrando l’amico lo ringraziò e gli disse: “ Esco dalla tornata dell’ultima Camera piemontese, la prossima sarà quella del Regno d’Italia”.

G. Massari: Ricordi biografici del conte di Cavour.

Liquore di Mirto Sardo

Oggi vi propongo la ricetta per fare il famoso liquore sardo estratto dalle bacche di mirto cresciuto in Sardegna.

Ingredienti: 
1Kg di bacche di mirto, 1lt. di alcol per alimenti, 2 litri di acqua, 500-1000 g. di zucchero

Per ottenere 3lt. di liquore di mirto, acquistate 1lt. di alcol per alimenti ed utilizzatelo per far macerare le bacche all’interno di un recipiente ermetico che eviterà l’evaporazione essendo l’alcol un liquido volatile.
Durante il processo di macerazione assicuratevi che le bacche siano sempre coperte dalla giusta quantità di alcol.
La macerazione delle bacche di mirto durerà circa 60 giorni, terminato il processo di macerazione estraete i frutti dal recipiente e scolateli per separarli dall’alcol residuo della macerazione.
Noterete che le bacche del mirto, dopo 60 giorni di macerazione saranno aumentate di volume, spremete ora le bacche (meglio se con un torchio) e raccogliete il succo che uscirà dalla spremitura, poi gettate via le bacche spremute.

Una raccomandazione: Non frullate le bacche, in questo caso i semi del frutto daranno un sapore amaro al liquore che diventerebbe imbevibile.
Ora avrete 2 recipienti: recipiente per l’alcol residuo della macerazione e recipiente per il succo ottenuto dalla spremitura.

Preparate lo sciroppo con la quantità di zucchero che desiderate a seconda che vogliate far prevalere il sapore forte dell’alcol o il dolce dello zucchero.
Otterrete lo sciroppo facendo bollire per circa 30 minuti l’acqua con lo zucchero.

Una volta ottenuto lo sciroppo unitelo con il succo della spremitura delle bacche di mirto e con l’alcol residuo della macerazione.
Il liquore di mirto ottenuto sarà di colore simile a quello delle bacche.

Eneide – GLI ENEADI SULLE COSTE DELLA LIBIA (1.157- 222)

Ecco a voi un nuovo brano dell’Eneide, buona lettura.

Stanchi gli Eneadi cercan di raggiungere a gara
i lidi vicini e si volgono alle spiagge di Libia.
C’è un luogo in profonda insenatura: l’isola crea
un porto con la barriera dei fianchi, su cui ogni onda
dall’alto si frange e si scinde in seni appartati.
Di qua e di là vaste rupi e scogli gemelli minacciano
al cielo, e sotto la loro cima attorno
le acque taccion tranquille; poi sopra una scena di selve
brillanti, ed un nero bosco sovrasta con ombra terrificante.
su fronte opposto una grotta con scogli incombenti;
dentro acque dolci e sedili di vivo sasso,
una casa di Ninfe. Qui nessun cordame trattiene
le stanche navi, non le lega un’ancora con l’attacco adunco.
Qui entra Enea raccolte sette navi da tutto
il numero, ed usciti col grande amore di terra
i Troiani s’impossessano della sabbia bramata
e adagiano sul lido le membra grondanti di sale.
Ma dapprima Acate cavò la scintilla dalla selce
suscitò il fuoco con foglie e diede attorno
secchi alimenti e dallo stimolo ghermì la fiamma.
Poi preparano Cerere (grano) rovinato dalle onde e le armi
di Cerere stanchi dei mali, si accingono ad asciugare
col fuoco i frutti raccolti e macinarli col sasso. 179
Enea intanto ascende lo scoglio, e scruta tutta
la vista attorno nel mare, se mai vedesse qualcuno,
Anteo sbattuto dal vento e le frige biremi
o Capi o le insegne di Caico sulle alte poppe.
Nessuna nave in vista, intravede sul lido tre
cervi erranti; tutte le mandrie li seguono
alle spalle e la lunga schiera pascola per le valli.
Qui si fermò e afferrò con la mano l’arco
e le frecce veloci, armi che il fedele Acate portava,
abbatte anzitutto gli stessi capi sporgenti le alte teste
con le corna ramose, poi avanzando con le armi
scompiglia il volgo e tutta la massa tra i boschi frondosi;
nè si ferma prima che trionfante stenda per terra sette
enormi corpi e adegui il numero con le navi;
di qui si reca al porto e spartisce tra tutti i compagni.
Poi l’eroe divide i vini che il buon Aceste aveva caricato
in barili e aveva dato sul lido trinacrio ai partenti,
e placa con frasi gli animi dolenti:
“ O amici certo non siamo ignari prima dei mali,
o ne provaste più gravi, un dio pure ad essi darà una fine.
voi avvicinaste anche la rabbia scillea e totalmente
gli scogli risonanti, voi anche provaste le rocce
ciclopiche: rianimate i cuori e lasciate il triste
timore; forse un giorno gioverà ricordare anche questo.
Tra varie vicende, tra tanti rischi di eventi
miriamo al Lazio, dove i fati mostrano dimore
tranquille; là è giusto risorgano i regni di Troia:
resistete e mantenetevi per giorni migliori.”
Così dice a parole e triste per gli enormi affanni
finge col volto fiducia, reprime nel cuore il forte dolore.
Essi si accingono alla preda ed ai banchetti futuri:
strappan dalle costole i dorsi ed apron le viscere;
parte tagliano in pezzi e li infilano vibranti con spiedi,
mettono caldaie sul lido ed altri forniscono fiamme.
Poi col cibo riprendon le forze, e sparsi nell’erba
si riempion di vecchio Bacco e ricca selvaggina.
Dopo che fu tolta la fame e sgombrate le mense
con lungo parlare rievocano gli amici perduti,
tra la speranza e la paura del dubbio, sia li credano vivere
sia soffrire la fine nè più sentire, (anche se chiamati).
Soprattutto il pio Enea ora piange tra sè la sorte del fiero 220
Oronte, ora di Amico ed i crudeli destini
di Lico ed il forte Giante ed il forte Cloanto.

LA JOTA TRIESTINA

La JOTA è senza dubbio la più caratteristica zuppa friulana, tipica della Carnia; il suo nome deriva dallo spagnolo “jota”, ossia “potacchio”; in terra triestina è più ricca in quanto tra gli ingredienti ci sono anche le costolette affumicate.

Ingredienti per 4 persone:

250 g fagioli secchi borlotti; 500 g patate; 750 g crauti; 300 g costine di maiale affumicate; una cipolla,due spicchi d’aglio,due foglie di alloro,un cucchiaino di farina, alcuni grani di  Kümmel  (il cumino dei prati ).

Preparazione:
Lessare i fagioli in abbondante acqua,precedentemente ammollati, per circa mezz’ora; lessare le patate 20 minuti, pelarle e tagliarle a quadretti che salterete in padella dove avrete imbiondito mezza cipolla; soffriggere la farina e l’aglio in una teglia dove verserete i crauti con il kummel ( la cottura richiede almeno due ore a fuoco lento rimescolando frequentemente ed aggiungendo un pò d’acqua in modo che non si attacchino ); versare il tutto in una pentola capiente, coprire d’acqua,e lasciar bollire per circa un ora. Alla fine salare. Per gustarla al meglio mangiatela il giorno dopo, previa breve ribollitura.

Eneide-NETTUNO, DIO DEL MARE, INTERVIENE

Per gli appassionati dell’Eneide continuiamo con la pubblicazione del primo libro.

1.124-156
Intanto Nettuno s’accorse che il mare era sconvolto da grande
rumore e che la bufera era scatenata e dai profondi abissi
le acque eran agitate, seriamente sdegnato, e affacciandosi
dall’alto alzò il capo maestoso sulla cima dell’onda.
Vede la flotta d’Enea dispersa per tutto il mare,
i Troiani sommersi dai flutti e dal disastro del cielo;
nè sfuggirono al fratello gli inganni e le ire di Giunone.
Chiama a sè Euro e Zefiro, poi parla così:
“Forse così tanta sicurezza della vostra razza vi sostenne?
ormai senza il mio volere osate sconvolgere cielo e terra,
venti, e alzare così grandi masse?
Perchè io vi…ma è meglio calmare i flutti sconvolti.
Poi mi pagherete i misfatti con pena non omparabile.
Affrettate la fuga e così dite al vostro re:
non a lui fu dato il potere del mare ed il severo tridente,
ma a me per fato. Lui possiede le enormi rocce,
le vostre case, Euro; si sbatta in quella sede
Eolo e regni sul chiuso carcere dei venti”.
Così parla, e con l’ordine ben presto placa il gonfio mare
spazza via le nubi raccolte e riporta il sole.
Cimotoe insieme e Tritone sforzandosi disincaglian
le navi dallo scoglio aguzzo; lui le alza col tridente
apre le vaste Sirti e placa il mare
e colle ruote leggere percorre le cime delle onde.
E come in una grande folla quando spesso è nata
una sommossa ed il volgo plebeo infuria con violenze
ed ormai volano incendi e sassi, la rabbia procura armi;
allora, se per caso han visto un uomo serio per virtù
e meriti, tacciono e stanno con orecchie attente;
egli guida i cuori con le parole e addolcisce gli spiriti:
così tutto il frastuono del mare cessò, dopo che il padre
affacciandosi sull’acque e portato nel cielo aperto
piega i cavalli e volando col cocchio veloce dà le briglie.

Translate »